Il trucco è mettere in chiaro la differenza tra ciò che voi volete che accada e quello che sapete che accadrà.


lunedì 17 settembre 2007

bugie sul riscaldamento globale (ULTERIORI CONFERME)

Riscaldamento globale o bugia colossale?
Nonostante gli estremismi catastrofisti stiamo prendendo sempre più coscienza che l'uomo non è in grado di modificare il clima del Pianeta in modo importante.
Numerosi scienziati in tutto il mondo contestano i dati ufficiali sul riscaldamento globale. Non ci sono dubbi che negli ultimi anni ci sia stato un aumento della temperature, il punto, però, è che anche negli anni '30 ci furono periodi estremamente caldi, anche più di quelli a cavallo fra 21° e 22° secolo. Allora, dato che corsi e ricorsi fanno parte di un andamento naturale, potremmo in parte spiegarci queste apparenti anomalie. E anche con la dimostrata inadeguatezza di molti sensori ufficiali, magari solo perchè posti dove anni fa non c'era la stessa urbanizzazione. Ove ciò non bastasse, potrei portare altri esempi che possono indurre al dubbio. Il principale è che il Sole è indubbiamente in una fase di grandissima attività, tanto che, a fronte di un aumento modesto della temperatura terrestre, fanno riscontro dati ancora più indicativi riguardo altri pianeti del nostro Sistema Solare. Scopriamo così che parte delle calotte polari marziane si sono sciolte, che la temperatura di Giove è salita a tal punto che si è generato un ennesimo uragano semi-permanente nell'emisfero Sud.Certo, la Terra, miracolo (non credo unico) della Galassia, subisce meno prontamente il riscaldamento, motivo per cui si è sviluppata così bene la vita. Ma perchè, allora i dati ufficiali, quelli che nessuno può contestare, non considerano questo fatto? Perchè se la storia della Terra ha visto, come si ipotizza, quattro totali scioglimenti delle calotte polari, una temperatura certamente superiore alla attuale e una concentrazione di gas serra molto maggiore, non si tiene conto di questo? Perchè, anzichè stimolare il dibattito, si zittiscono le voci fuori dal coro? Le cose, come la storia non ci ha insegnato, non sono mai come sembrano. Le guerre non si combattono per altruismo, le logiche del potere ed il potere stesso sono ben lontani da quello che ci viene dato in pasto. In realtà quante cose sappiamo realmente, di quante cose abbiamo la "prova"? Le ipotesi per le quali si è in tutta fretta sposata la tesi del riscaldamento globale antropogenico passano anche da un ennesima modalità di spesa da parte dei governi, nel business del biologico e dell'ecologico (a volte ancora più insostenibile del non ecologico). Potremo, in base ai nuovi accordi, anzichè inquinare meno, comprare diritti di inquinamento da parte di aziende che non raggiungono la soglia di produzione di CO2. Potremo indebitarci, in nome di una coscienza ecologista instillata dagli stessi che hanno rovinato il pianeta con la logica del capitalismo sfrenato. Uno dei tanti dogmi moderni, penso anche allo spauracchio del terrorismo, che ha minato le nostre sicurezze, soprattutto in quanto i mass media ci hanno, loro in primis, terrorizzato, e in quanto leggi anti-democratiche sono state permesse grazie a questa paura.La paura, appunto, di cui la nostra società si nutre suo malgrado, priva com'è di solide radici, e il mezzo migliore per imporre soluzioni, reali o fittizie che siano.

Nessun commento: